Trucchi utili per pescare un grosso tonno

Trucchi per imparare a pescare ancora meglio i tonni a drifting con conoscenza di inneschi, terminali, pasturare e strategie dell’esperto pescatore Diego Pizzeghello

Se tutto quello che ho già spiegato su Pesca Dalla Barca su ami e inneschi (clicca qui per leggere) e riguardo la variazione della pasturazione (clicca qui per leggere) non basterà a farvi incannare il tonno, allora dovrete scendere con il diametro del terminale, fino a un massimo dello 0,70 e, tassativamente, con amo circle che, peraltro, non dà garanzia al 100%. Capita che, prima di ferrare il tonno nell’angolo della bocca, il filo scorra all’interno consentendo al pesce di danneggiare il terminale  con i denti, anche più di quanto un pescatore inesperto potrebbe immaginare, in quanto il tonno non è un pesce “senza denti”. Certo non li ha come quelli di una palamita ma vi assicuro che quando è grosso li ha. Efficace anche in caso di terminale sottile, è un rinforzo degli ultimi 80 centimetri con del trecciato molto potente, che andrà poi arrotolato e nascosto all’interno dell’esca. E’ un trucco che si fa da tanti anni con le palamite e che va applicato al tonno “in scala”, ovvero con le dovute proporzioni. Lascio che sia l’amico Marco volpi a spiegarvelo a margine con un video. Lui la chiama “trappola”. Questo innesco però presuppone l’uso dell’ago ed è quindi difficilmente utilizzabile con il wind on.

Trucchi per imparare a pescare ancora meglio i tonni a drifting con conoscenza di inneschi, terminali, pasturare e strategie dell'esperto pescatore Diego Pizzeghello
FOTO SCATTATA A MIA INSAPUTA DURANTE L4USCITA DAL PORTO SU AL25.
Trucchi per imparare a pescare ancora meglio i tonni a drifting con conoscenza di inneschi, terminali, pasturare e strategie dell'esperto pescatore Diego Pizzeghello2
UN TONNO CATTURATO, DAL SOTTOSCRITTO PESCANDO IN DRIFTING NEL GOLFO DI GENOVA.
Diego Pizeghello Trucchi per imparare a pescare ancora meglio i tonni a drifting con conoscenza di inneschi, terminali, pasturare e strategie dell'esperto pescatore
UN PICCOLO INNESCO, RINFORZATO CON FILO. L’AMO IL PIU’ POSSIBILE NASCOSTO NELLA SARDINA.

Diego Pizzeghello

Grazie per aver letto questo mio articolo. Io sono Diego, appassionato di pesca fin da ragazzino, quando andavo a pesca di branzini dalle scogliere di Genova. Pratico con grande piacere la pesca dalla barca, sia a spinning che a bolentino, a traina, a drifting e con un po' tutti i metodi di pesca sportiva che mi permettono di ferrare qualche cattura pregiata. Non vorrei passare per un "professorone che se tutto" ma mi fa piacere scrivere qualche articolo e, di tanto in tanto realizzare un video di pesca. Se potessi aiutarti a prendere qualche bel pesce ne sarei felice anche se, amo ripeterlo, nella pesca la fortuna conta tanto e, prima regola: bisogna pescare dove ci sono i pesci. Spero che quello che faccio ti piaccia e che "mi premierai" condividendo i miei video. Ciao!