La traina col vivo alla ricciola secondo Giorgio Cappello

La traina col vivo alla ricciola secondo Giorgio Cappello

La “Seriola dumerili” che noi pescatori chiamiamo comunemente ricciola è un pesce pelagico e appartiene alla famiglia dei carangidi. Si trova in una delle posizioni più alte della catena alimentare marina e questo per noi è molto interessante visto che detta il modo di pescarla, e di avere successo nella sua cattura. E’ proprio di questi aspetti della pesca a traina che vi voglio parlare in questo articolo su PescaDallaBarca.TV. Un buon pescatore deve sapere che la ricciola è un pesce che frequenta quasi sempre gli stessi habitat; la si può trovare in branco o in solitaria ma, quando è di buona taglia, è sempre astuta e “impegnativa”, perché è difficile ingannarla con l’esca viva, ed è poi quasi del tutto impossibile farlo con un’esca artificiale.

Come pescare le ricciole in traina col vivo, secondo Giorgio Cappello.

Per insidiare ricciole di grossa taglia ci serviranno esche molto voluminose come palamite, barracuda e lampughe, oltre ai più noti tombarelli, lanzardi, sugarelli, aguglie, seppie e calamari, specie di cui però tutti parlano spesso. In base alla grandezza dell’esca deve cambiare la nostra velocità di traina, in questo modo: tanto più grande è l’esca viva e tanto più velocemente andrà “fatta correre”. Gli spot più frequentati da questi grossi predatori sono sicuramente i relitti, le secche rocciose e le piattaforme. Per praticare la traina col vivo avremmo bisogno di un ottimo ecoscandaglio e di un Gps cartografico, strumenti che ci aiuteranno a capire le abitudini dei nostri predatori e, allo stesso tempo, ci aiuteranno a vedere eventuali mangianze, cioè branchi di piccoli pesci dove una ricciola potrebbe “banchettare”. La Seriola dumerili è un pesce molto sospettoso: se vede l’esca che nuota in maniera anormale non l’attacca ma la colpisce di striscio per vedere la sua reazione. Spesso molte “partenze” avvengono sulle curve delle cigliate dove si prestano a cacciare, pertanto è inutile insistere per svariate ore sullo stesso spot perché, se sono in caccia, dopo i primi passaggi il pesce abboccherà alla nostra lenza. Se non dovesse succedere vi consiglio di provare con terminali più sottili, se non addirittura provare a stimolare la curiosità dei pesci con tecniche di pesca diverse, come il vertical jigging. 

Consigli per pescare a traina: lo strike della ricciola.

Molto spesso questi magnifici pesci stanno poggiati sul fondo delle cigliate. Dopo l’abboccata è importante ferrare il pesce e portarlo fuori dalle rocce, con calma, senza esagerare nella trazione, per poi iniziare il combattimento vero e proprio. Un mulinello adeguato (clicca per info dettagliate su un ottimo modello 30 lb) è fondamentale. Si consiglia un attrezzo di qualità con frizione a leva 20 o 30 lb. Essendo un pesce molto potente, potrebbe rompere  nelle prime fughe il filo tra le rocce. I migliori periodi per incontrare ricciole di taglia sono sicuramente settembre e ottobre ma anche nei mesi invernali si possono verificare catture molto importanti. Nella zona di pesca del sottoscritto sono stati catturati negli anni anche pesci di peso superiore ai cinquanta chili. Nei mesi estivi, invece, quando la temperatura dell’acqua riscalda, incominciano a “entrare” le ricciole di branco. I pescatori iniziano a dare loro la caccia. Ovviamente sappiamo tutti che questi pesci sono davvero razziati dalle “cianciole” o “cianciolli” dei pescatori professionisti, ma noi in quanto sportivi dobbiamo comunque trattenere solo il pesce da mangiare e rispettare rigorosamente i limiti di legge. Le reti a circuizione riescono purtroppo a chiudere tonnellate di pesci in una sola calata. Dobbiamo convivere con questi scempi. Il mare resta sempre un fantastico “amico”. Noi che lo conosciamo dobbiamo rispettarlo e difenderlo.

pesca traina ricciola pescare traina col vivo giorgiocappello_01
UNA GRANDE RICCIOLA CATTURATA IN TRAINA CON ESCA VIVA.
pesca traina ricciola pescare traina col vivo giorgiocappello_02
UNA GRANDE RICCIOLA CATTURATA IN TRAINA CON ESCA VIVA.
pesca traina ricciola pescare traina col vivo giorgiocappello_03
UNA GRANDE RICCIOLA CATTURATA IN TRAINA CON ESCA VIVA.

La traina col vivo alla ricciola secondo Giorgio Cappello

 

La Redazione di PescaTV.it (sezione pesca mare barca)

PescaDallaBarca TV è il canale di comunicazione italiano dedicato alla pesca in mare da natante, realizzato con l’impegno di una squadra di pescatori di prim’ordine tra i quali rientrano Marco Volpi, Diego Pizzeghello, Franco Nostrini, Matthieu Amato, Luciano Bonomo, Marcello Guadagnino, Riccardo Castellaro, Matteo La Bella, e molti altri ancora. La Redazione della sezione "Pesca a carpfishing" del gruppo Pesca TV è formata da pescatori, articolisti, fotografi, agonisti della pesca sportiva e videomaker appassionati di pesca. Proprio come te, anche noi abbiamo a cuore il rispetto della natura e la pratica del nostro passatempo preferito, la pesca. Oltre rispetto delle leggi scritte, vogliamo diffondere il rispetto di "leggi che non sono scritte", come per esempio il rispetto per i pesci. Siamo però contrari alle ingiustizie che i pescatori ricreativi subiscono e agli attacchi dei quali la pesca sportiva è vittima, primo fra tutti il bracconaggio e le vessazioni alla nostra categoria (vista dalla politica come una fonte per trarre guadagno).